Appello alle istituzioni

Appello alle istituzioni

La nostra esperienza insegna che le sinergie tra scuole, CPIA e cittadinanza attiva richiedono la regia delle istituzioni a livello locale e regionale. Proposte in merito sono state avanzate al convegno “A scuola anch’io. Per la formazione dei nuovi cittadini del Lazio” (12 ottobre 2018), promosso da Università Roma Tre e Scuolemigranti. Si tratta di superare la fase di finanziamenti circoscritti e di breve durata per investire invece su azioni di sistema pluriennali.

Enti locali e Municipi di Roma
– mediatori madrelingua nel dialogo con i genitori per l’iscrizione e i colloqui con gli insegnanti
– assistenza ai genitori che non trovano posto o sono in lista d’attesa all’inizio dell’anno scolastico
– monitoraggio della distribuzione degli allievi di origine straniera nelle classi e nelle scuole del territorio
– iniziative di orientamento scolastico al termine del primo ciclo, sulle opzioni per il completamento dell’obbligo formativo
– campagne di comunicazione in più lingue rivolte alle famiglie immigrate sulle scuole dell’infanzia
– promozione di intese tra scuole e associazioni

Ufficio Scolastico Regionale
Indicazioni ai dirigenti delle scuole in merito all’attuazione generalizzata delle linee guida del MIUR, per superare alcune criticità:
– anche in corso d’anno prevedere l’iscrizione di alunni ricongiunti nella formazione delle classi
– laboratori di educazione linguistica in orario scolastico (organico potenziato)
– inserire nei piani formativi della scuola la didattica italiano L2
– apertura alle associazioni che svolgono attività educative in sinergia con l’offerta formativa della scuola

Indicazioni ai dirigenti dei CPIA in merito alla piena realizzazione della riforma:
– percorsi di istruzione coordinati con gli istituti superiori
– laboratori per adulti che non sono in grado di leggere e scrivere nelle lingue latine e analfabeti numerici
– deroga dei 16 anni per l’iscrizione anche di ragazzi ricongiunti
– intese con le associazioni locali che svolgono corsi di italiano per migranti, per armonizzare l’offerta nei territori

Azioni di sistema:
– iniziative formative rivolte a docenti e insegnanti volontari, sull’intercultura, sulla didattica dell’italiano L2, sull’alfabetizzazione degli adulti
– osservatorio per monitorare la domanda e offerta formativa dei “nuovi alunni”

Regione Lazio
– bandi integrati per la formazione linguistica, professionale e inserimento lavorativo di migranti (finanziamenti regionali, nazionali ed europei)
– servizi di orientamento al lavoro in rete con le agenzie del terzo settore dedicate ai migranti.