Il progetto

L’iniziativa della Presidenza della Repubblica si avvale della collaborazione a titolo gratuito di Scuolemigranti ed è rivolta agli allievi che stanno frequentando corsi di lingua e cultura italiana presso la scuole del volontariato aderenti alla Rete.

Come è nata l’idea
Nella primavera del 2016 abbiamo organizzato alcune visite per i nostri allievi, guidate da volontari del Touring Club Italiano, a cui è affidata l’illustrazione del palazzo. Si tratta di esperti in Storia dell’Arte molto preparati ed efficaci, ma adatti a un pubblico che comprende la lingua italiana.
Malgrado l’impedimento linguistico, il Quirinale è riuscito ad entusiasmare i migranti, che sono rimasti colpiti dalla grandiosità e ricchezza degli ambienti e hanno potuto cogliere anche il valore democratico della “casa del Presidente” aperta a tutti.
Di qui l’idea di costruire un percorso ad hoc, calibrato sulle competenze linguistiche e gli interessi propri dei migranti che stanno imparando l’italiano.

Un aiuto per gli insegnanti
Il progetto offre uno stimolo prezioso per motivare gli allievi, consolidare il gruppo classe e arricchire il programma di educazione civica e cultura italiana. La visita al Quirinale offre spunti per spiegare i fondamentali della Repubblica, la Carta Costituzionale e il ruolo del Presidente.
Inoltre, permette di raccontare la storia di Roma e d’Italia, attraverso il passaggio degli abitanti che si sono succeduti nel Palazzo: lo Stato Pontificio governato dai papi, l’Unità d’Italia, la monarchia dei Savoia, il referendum per l’Italia repubblicana, la galleria dei 12 Presidenti.

Didattica
Il gruppo Passeggiate didattiche e alcuni esperti del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica hanno elaborato il percorso per migranti che a gruppi di 30 migranti visitano il Quirinale, ogni mese a partire dal novembre 2016.
Prima della visita, gli allievi vengono preparati in classe e, dopo, c’è una fase di verifica e rinforzo dell’apprendimento.
All’interno del Palazzo i migranti percorrono 12 tappe, in 80 minuti. Ad ogni tappa l’attenzione dei visitatori viene orientata su alcuni oggetti che possono
-          stimolare l’apprendimento di parole in italiano di facile comprensione
-          rinviare a esperienze comuni a tutte le culture
-          sollecitare l’interesse perla storia, la politica e l’arte italiana.
La visita illustra i punti di attenzione e le parole-chiave delle 12 tappe. Il Glossario è un ausilio per spiegare ai migranti 80 termini presenti nel vademecum. Altri materiali sono stati scelti per gli insegnanti volontari che vogliono approfondire la tematica. Un ricco supporto alla preparazione in classe prima e dopo la visita è fornito dalla dispensa Attrezzi.