Juppiter

L’Associazione di promozione sociale Juppiter nasce nel 1992 come un centro di aggregazione giovanile attorno alla musica. Dopo ventidue  anni di attività Juppiter si occupa in maniera continuativa di prevenzione al disagio giovanile attraverso i linguaggi artistici più vicini ai giovani. Legata a Fondazione Exodus di don Antonio Mazzi di cui condivide la filosofia e l’impegno per i ragazzi. E’ sempre stata forte l’attenzione per i ragazzi speciali, i migranti nei loro processi di integrazione nel tessuto sociale in cui si trovano a vivere. Senza troppe distinzioni tra attività e ragazzi anzi promuovendo l’inclusione, mettendo insieme anche realtà molto diverse. Oltre la sede storica, sono nate altro quattro sedi: la Casa di San Martino (dove oltretutto si realizzano soggiorni, si ospitano corsi di formazione  e si promuove il turismo sociale) sita a San Martino (VT), la Casa di Alessio a Torri in Sabina (RI), la Casa delle Arti a Viterbo, Up House a Soriano nel Cimino (VT). Da quest’anno è iniziata una collaborazione con la Parrocchia di Primavalle. All’interno dei progetti sull’integrazione, nell’ultimo anno sono stati attivati due corsi livello A1 all’interno dei Prils bandi Fei, uno rivolto prevalentemente alle donne, uno agli adolescenti. Per i minori sostegno didattico in undici scuole della Provincia di Viterbo, all’interno dell’orario scolastico, sostegno pomeridiano due volte a settimana, nella sede centrale. In maniera continuativa dal 2000 ad oggi sono stati attivati corsi in 10 comuni della Provincia di Viterbo, per favorire l’intercultura inoltre si sono realizzati cineforum, incontri a tema, gite e visite guidate, incontri interreligiosi, cene etniche, convegni. Un progetto nato nel 1999 che raccoglie un bacino di utenti significativo nel territorio in cui opera. A tutti i cittadini stranieri arriva una newsletter scritta in più lingue per comunicare le attività gratuite di cui può usufruire, laddove non si raccolgono adesioni importanti, i giovani operatori del progetto vanno casa per casa a conoscere e contattare i cittadini stranieri (porta a porta). Accanto a tutto questo sono stati realizzati corsi di formazione gratuiti, corsi di giornalismo realizzati in Prefettura e ovviamente una formazione permanente per gli insegnanti e gli operatori del progetto. Per i minori sostegno nell’apprendimento della lingua italiana all’interno di undici scuole e raccolta di favole e racconti dal mondo che sono stati pubblicati nel 2011. Tutte le attività sono svolte in sinergia con i Comuni, la Prefettura, la Questura, gli Enti locali. Uno sportello permanente attivo tutti i giorni nella sede centrale dell’Associazione e uno itinerante, attivo in tutti i Comuni dove è attivo il corso di italiano. Consulenza amministrativa, accompagnamento nelle pratiche di Questura e Prefettura, ascolto e mediazione con Enti e Istituzioni. Ad ogni cittadino straniero viene redatta una cartella sociale a consultazione privata (solo dell’operatore di sportello).